Monthly Archives: febbraio 2019

Recupero crediti e profili penali: quando posso denunciare chi non mi paga?

Il semplice mancato pagamento di un’obbligazione non permette al creditore di denunciare il debitore insolvente. In alcuni casi, tuttavia, il mancato rispetto di un pagamento può assumere rilievi penali integrando, per esempio, il reato di truffa o di insolvenza fraudolenta.

Argomento : Recupero Crediti | Tags : |

PRIVACY – GDPR: chi si deve adeguare?

Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato le risposte alle domande più frequenti rivolte all’Ufficio del Garante prima fra tutte quella su chi deve tenere il Registro delle attività di trattamento.

Argomento : Privacy | Tags : , , |

Responsabilità professionale dell’avvocato per negligenza (mancata riassunzione processo): deve esserci un danno effettivo (Cass., ord. 16342/18)

Cass. civ. Sez. III, Ordinanza del 21-06-2018, n. 16342 – L’accertamento della responsabilità presuppone che venga individuata non solo la condotta professionale che si assume essere stata negligente, ma anche il danno che ne è derivato come conseguenza della condotta, in quanto nell’azione civile di risarcimento del danno l’affermazione di responsabilità non può essere disgiunta dall’accertamento della determinazione di un effettivo danno.

Argomento : Malavvocatura - Errori Legali, Responsabilità professionale | Tags : , , , , , , , , |

Danno da cose in custodia e condotta del terzo: galeotta e prevedibile fu quella cera per il Comune! (Cass. civ., Ord. 1725/19)

L’azione di un soggetto terzo non è di per sè sufficiente a immutare l’ordinario dinamismo causale discendente dalla cosa custodita introducendo l’elemento eccezionale tradizionalmente definito caso fortuito, bensì significa che detta azione, oltre ad avere un’astratta idoneità causale, deve anche essere concretamente dotata di caratteristiche tali da sussumerla nel concetto di fortuito, quali sono, appunto, la non conoscibilità/non prevedibilità.

Argomento : Danno da cose in custodia | Tags : , , , , , |

Rumori molesti provenienti dal vicino: fissati i parametri per valutare la tollerabilità

Se l’immissione acustica è tale da pregiudicare la quiete pubblica, a maggior ragione essa, ove si risolva in una emissione sonora nell’ambito della proprietà del vicino – ancor più esposto degli altri, in ragione della contiguità dei fondi, al suo effetto dannoso – deve, per ciò solo, considerarsi intollerabile, ex art. 844 c.c. e, pertanto, illecita anche sotto il profilo civilistico

Argomento : Responsabilità extracontrattuale | Tags : , , , , |

Segnalazione alla centrale rischi: è illegittima senza il preavviso al proprio cliente (Ord. Trib. Cassino 03.12.18)

L’informativa ha natura preventiva perché consente al cliente di essere messo nella condizione di regolarizzare la sua posizione e di evitare la segnalazione alla CAI. Con la segnalazione la questione non è più bilaterale fa Banca e cliente ma diventa di ordine generale fra quel cliente e la collettività e una siffatta pubblicità rischia di esporlo a conseguenze disastrose, come la fama di cattivo pagatore, la chiusura di fiducia verso altri istituti di credito, l’allontanamento di clientela, ecc..

Argomento : Prova in materia civile, Recupero Crediti | Tags : , , |

Newsletter promozionali e privacy: è necessario il consenso esplicito e specifico (Cass. 17278/18)

Il gestore di un sito Internet può condizionare la fornitura del servizio al trattamento dei dati per finalità pubblicitarie, sempre che il consenso sia singolarmente ed inequivocabilmente prestato in riferimento a tale effetto, il che comporta altresì la necessità, almeno, dell’indicazione dei settori merceologici o dei servizi cui i messaggi pubblicitari saranno riferiti.

Argomento : Privacy | Tags : , , , , , , |