Titolo

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

Whistleblowing: Le informazioni da inserire sul sito e sulla pagina della piattaforma per evitare errori da parte del segnalante

Whistleblowing

Whistleblowing: trattamento dei dati personali

TUTELA DELLA RISERVATEZZA

Indice:

1. Trattamento dei dati personali
2. Conservazione della documentazione inerente alle segnalazioni


Il rispetto della riservatezza costituisce un elemento fondamentale nelle disposizioni del d.lgs. n. 24/2023, dove sono previste sanzioni amministrative per violazioni, come indicato nell’art. 21, comma 1, lett. a). L’art. 13 regola in modo generale il trattamento dei dati personali nel contesto del whistleblowing, collegandolo direttamente alle normative del regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) e ai decreti legislativi n. 196/2003 e n. 51/2018.

In particolare, si sottolinea nuovamente l’importanza del principio di minimizzazione dei dati, già menzionato nell’art. 12, Capitolo 5. Il divieto di raccogliere dati non necessari o l’obbligo di cancellare immediatamente i dati personali non rilevanti per una specifica segnalazione sono ribaditi nell’art. 13, comma 2.

I soggetti coinvolti nel trattamento dei dati relativi alle segnalazioni sono considerati Titolari del trattamento e devono adempiere agli obblighi normativi, incluso quello di fornire l’informativa ai sensi dell’art. 13 e 14 reg. (UE) 2016/679 agli interessati, ovvero segnalanti e persone coinvolte.

Per quanto riguarda i diritti dell’interessato, il decreto attuativo fa riferimento al limite di possibili pregiudizi alla riservatezza dell’identità del dipendente segnalante, come previsto dall’art. 13, comma 3, d.lgs. n. 24/2023 e dall’art. 2-undecies d.lgs. n. 196/2003.

Per i soggetti che condividono canali di segnalazione, l’art. 13, comma 5, impone l’obbligo di stipulare accordi interni per definire responsabilità e competenze nel trattamento dei dati personali.

Il legislatore, in conformità con la direttiva (UE) 2019/1937 e il d.lgs. n. 24/2023 (art. 13, comma 2), ha introdotto un principio di cancellazione immediata dei dati non utili alle segnalazioni.

2. Conservazione della documentazione inerente alle segnalazioni

Guarda il servizio “chiavi in mano” offerto dal nostro Studio

Condividi l'articolo su:
Studio Legale Calvello