Titolo

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

GDPR – PRIVACY & ULSS: le richieste dell’Ulss mettono a rischio le convenzioni?

A cura di Avv. Claudio Calvello e Avv. Marco Martinoia

Le richieste delle Aziende Sanitarie Locali impongono alle Strutture accreditate (Alberghi Termali, Cliniche private, etc…) ed ai loro operatori di “mettersi in regola” con le norme sulla Privacy-Gdpr. Le convenzioni sono a rischio?

%%%%%

Nelle ultime settimane, è cresciuta notevolmente l’esigenza di adeguamento privacy (e nomina DPO) da parte di alberghi (stabilimenti termali), poliambulatori e medici/operatori che lavorano in libera professione con tali Strutture.

La causa di tale esigenza di adeguamento è l’ULSS che per garantire l’accreditamento e la convenzione delle cure sta formalizzando delle richieste dettagliate in materia di privacy estremamente stringenti.

In particolare:

1) L’ULSS (Titolare del Trattamento dei dati personali) chiede alla Struttura accreditata (stabilimento termale, poliambulatorio ecc..) di autocertificare e comprovare (con relazione su misure tecniche ed organizzative da produrre) di essere adeguata alla normativa in materia di GDPR-privacy.

Non solo…

2) L’ULSS chiede altresì alla Struttura accreditata di trasmettere la medesima documentazione anche con riferimento ai collaboratori  (es. medici/fisioterapisti in libera professione, consulenti informatici ecc..) al fine di ottenere l’autorizzazione (da parte dell’ULSS) ad avvalersi dei servizi degli stessi.

Pertanto, la criticità che potrebbe riscontrarsi è chiara: qualora le Strutture accreditate o i propri collaboratori esterni in libera professione non fossero in grado di dimostrare il proprio corretto adeguamento alla normativa in materia di privacy, l’ULSS NON autorizzerà più il trattamento e farà decadere le autorizzazioni/convenzioni.

Per rispondere a tale esigenza, lo Studio Legale Calvello sta assistendo le Strutture e gli operatori che hanno già sottoscritto un contratto di consulenza GDPR-Privacy e si rende disponibile a fornire gratuitamente un preventivo (parametratato alle specifiche caratteristiche della singola realtà ed allo status della stessa in materia di protezioni dei dati personali) per l’adeguamento di coloro che desiderassero allinearsi alla normativa ed alle richieste dell’ULSS.

(Articolo pubblicato il 28 maggio 2021)

Condividi l'articolo su:
Studio Legale Calvello