Raccontare la scappatella costa

Attenzione a raccontare a destra e a manca le vostre avventure extraconiugali perché rischiate l’addebito automatico della separazione. E’ quanto ha stabilito con una recente sentenza del 14 ottobre 2010 la Corte di Cassazione. Il caso trae origine da una coppia in cui lui aveva intrapreso una relazione extraconiugale che aveva reso nota fra gli amici comuni e che gli era costata l’addebito nel procedimento di separazione intentatogli dalla moglie. Lui fa appello sostenendo che il fallimento del suo matrimonio era già in corso al momento della “scappatella”. Ma i giudici della Cassazione, con verdetto ora definitivo, confermano invece che è stata proprio la violazione dei doveri coniugali (il tradimento) a causare la rottura del rapporto matrimoniale e che, ancor peggio, la diffusione della relazione presso amici comuni della coppia aveva senz’altro contribuito ad aggravare la posizione del marito. 

Condividi l'articolo su Facebook e linkedin >
This entry was posted in Diritto di Famiglia and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.