Rossetti docet: ecco quando è ammessa una domanda nuova ed una fonte di prova nuova (Cass., ord., n° 25631/18)

Nel giudizio di risarcimento del danno (tanto da inadempimento contrattuale, quanto da fatto illecito) non costituiscono domande nuove: (a) la riduzione del quantum rispetto alla originaria pretesa; (b) la deduzione dell’aggravamento del medesimo danno già dedotto con la domanda originaria. La richiesta di risarcimento dei danni sopravvenuti al maturare delle preclusioni istruttorie, anche se di qualità e quantità differenti da quelli richiesti con la domanda originaria, costituisce invece una domanda nuova, ma anche ammissibile se ricorrano i presupposti della rimessione in termini, di cui all’art. 153 c.p.c..
Inoltre, costituisce implicita istanza di rimessione in termini il deposito, con le note conclusive, di documenti formati successivamente tanto alla domanda, quanto al maturare delle preclusioni istruttorie; a fronte di tale produzione, pertanto, il giudice non può dichiararla inammissibile, ma deve valutare se ricorrano i presupposti di cui all’art. 153 c.p.c., ed in caso affermativo esaminare nel merito la rilevanza probatoria dei documenti tardivamente depositati.

Argomento : Diritto Immobiliare, Procedura Civile, Prova in materia civile | Tags : , , , , , , , |

La responsabilità del mediatore immobiliare per violazione degli obblighi informativi (Cass. 21/02/2017 n. 4415)

Il mediatore immobiliare è responsabile nei confronti del cliente se, conoscendo o potendo conoscere, con l’ordinaria diligenza, l’esistenza di vizi che diminuiscono il valore della cosa venduta, non ne informi l’acquirente.

Argomento : Diritto Immobiliare | Tags : , , , , , , , |

Mediatore e diritto alla provvigione: ciò che conta è l’identità dell’affare concluso (Cass. civ. n. 6552/2018)

La condizione perchè sorga il diritto alla provvigione è l’identità dell’affare proposto con quello concluso, che non è esclusa quando le parti sostituiscano altri a sè nella stipulazione conclusiva, sempre che vi sia continuità tra il soggetto che partecipa alle trattative e quello che ne prende il posto in sede di stipulazione negoziale.

Argomento : Diritto Immobiliare | Tags : , , |

Indennità di occupazione: non è dovuta in assenza di titolo o di prova dell’opposizione degli altri coeredi

Trib. di Padova, Giudice Dott.ssa A. Guerra, Sentenza non definitiva del 1 aprile 2016 – Il godimento dell’immobile da parte della coerede, piena proprietaria del compendio per la quota di un terzo, non comporta di per sè, in assenza di titolo o di prova dell’opposizione degli altri eredi, alcun obbligo di corrispondere un’indennità per l’occupazione esclusiva.

Argomento : Civile, Diritto Immobiliare, Giurisprudenza Patavina-Tribunale | Tags : , , |

Lastrico solare del condominio: le modalità di ripartizione delle spese vanno riviste

Cassazione civile, Sez. II, Ordinanza del 13-06-2014, n. 13526 LA QUESTIONE GIURIDICA Precedentemente, la giurisprudenza perveniva immotivatamente a un riparto analogo dei danni arrecati al condomino o al terzo proprietario dell’appartamento sottostante al lastrico solare, muovendo dalla premessa che il …

Argomento : Condominio e Locazione, Diritto Immobiliare |

Il condomino che vince la causa non paga le spese legali

Cassazione civile, Sez. II, Sentenza del 18-06-2014, n. 13885  IL CASO: Due condomini impugnavano una delibera con la quale venivano loro addebitati i costi sostenuti per pagare la parcella di un avvocato riferentesi ad una causa che il Condominio aveva …

Argomento : Condominio e Locazione, Diritto Immobiliare, Spese legali stragiudiziali e giudiziali | Tags : , , , , |

La tutela degli immobili da costruire

Dopo anni di attese è entrato in vigore il 21 luglio 2005 il decreto legislativo 20 giugno 2005, n. 122, che introduce maggiori tutele per chi acquista case in corso di costruzione. Ma vediamo prima di sintetizzare le novità normative introdotte …

Argomento : Diritto Immobiliare | Tags : , , , , , , , , , , , , , , , , |